Hacking

Il termine hacking è uno dei più inflazionati vocaboli legati all’informatica: avendo accompagnato, fin dall’inizio, lo sviluppo delle tecnologie di elaborazione e comunicazione dell’informazione, ha assunto diverse sfumature a seconda del periodo storico e dello specifico ambito di applicazione.geeks-academy-aree-corsi-coding-cybersecurity-big-data-gaming

Condividi su:

Hacker

L’hacker (in italiano pirata informatico) è un esperto di informatica, programmazione, sistemi e sicurezza informatica, in grado di introdursi/violare illegalmente ovvero senza autorizzazione reti di computer. Amano esplorare le possibilità offerte da un sistema informatico e mettere alla prova le proprie capacità. Comunemente si associa il termine hacker ai criminali informatici, ma in questo caso la definizione è “cracker“.

geeks-academy-corso-ethical-hacking-2019

Condividi su:

Hash

l’HASH, o impronta digitale, è il risultato di un algoritmo “funzione di Hash”. Le funzioni di Hash hanno 2 caratteristiche principali:

  1. da una stringa di lunghezza arbitraria danno una stringa di lunghezza definita;
  2. sono funzioni irreversibili, e cioè dal risultato ottenuto (la striga di lunghezza definita) non è possibile risalire alla stringa di lunghezza arbitraria di partenza.

Per rendere immodificabile il contenuto dei blocchi della Blockchain, ogni blocco viene “sigillato” con un Hash calcolato con la funzione S.H.A. 256 che prende come argomento, per esempio tutte le transazioni in esso contenute. L’Hash in questo caso funziona da codice di controllo: modificando anche di una sola virgola il contenuto di un blocco questo andrebbe in conflitto con il suo Hash evidenziando così la contraffazione. Ma nella Blockchain anche l’ordine cronologico dei blocchi è immodificabile e questo sempre grazie all’Hash dei blocchi. Infatti l’argomento dell’Hash che chiude un blocco include, in realtà, anche l’Hash del blocco precedente.

geeks-academy-blockchain-developer-professional
Condividi su:

HDFS

L’Hadoop Distributed File System (in sigla HDFS) è un file system distribuito, portabile e scalabile scritto in Java progettato appositamente per immagazzinare un’enorme quantità di dati (big data), in modo da ottimizzare le operazioni di archiviazione e accesso a un ristretto numero di file di grandi dimensioni, ciò a differenza dei tradizionali file system che sono ottimizzati per gestire numerosi file di piccole dimensioni. Un cluster in Hadoop tipicamente possiede uno o più name node (su cui risiedono i metadati dei file) e un insieme di data node (su cui risiedono, in blocchi di dimensione fissa, i file dell’HDFS). I formati più usati per i file su HDFS sono Comma-separated values, Apache Avro, Apache ORC e Apache Parquet.

Condividi su:

Hibernate

Hibernate (talvolta abbreviato in H8) è una piattaforma middleware open source per lo sviluppo di applicazioni Java, attraverso l’appoggio al relativo framework, che fornisce un servizio di Object-relational mapping (ORM) ,in poche parole, permette ad uno sviluppatore che programma con il paradigma orientato ad oggetti di parlare con il mondo relazionale (e quindi con il paradigma dei database relazionali), continuando ad utilizzare il paradigma orientato ad oggetti.
geeks-academy-aree-corsi-coding-cybersecurity-big-data-gaming
Condividi su:

Hadoop

Hadoop è un framework software, sotto una licenza libera, concepito per scrivere facilmente applicazioni che elaborano  petabyte di dati in parallelo, su cluster di grandi dimensioni (costituiti da migliaia di nodi) assicurando un’elevata affidabilità e disponibilità (fault-tolerant). Per garantire queste caratteristiche, Hadoop utilizza numerosi macro-sistemi tra cui HDFS, un file system distribuito. Ispirato dalla MapReduce di Google e dal Google File System, è un progetto Apache di alto livello, costruito e usato da una comunità globale di contributori, che usano i linguaggi di programmazione Java e, per gli strumenti più recenti, Scala. Yahoo! è il più grande contributore a questo progetto, e ne fa fortemente uso. È usato anche da: AOL, Ebay, Facebook, IBM, ImageShack, Joost, Linkedin, Spotify, The New York Times e Twitter. Il nome del progetto è stato scelto dal suo creatore Doug Cutting, il quale ha scelto Hadoop, il nome dell’elefante di pezza di suo figlio. In origine fu sviluppato per supportare la distribuzione per il progetto del motore di ricerca Nutch.
geeksacademy-big-data-framework-hadoop
Condividi su: